La delegazione di pagamento, o prestito delega, o doppio quinto, è un finanziamento personale non finalizzato, che permette ai lavoratori dipendenti di ottenere cifre maggiori quando si è già utilizzata la formula della cessione del quinto, di fatti in genere si affianca a quest’ultima.
Il rimborso avviene tramite delega di pagamento, i finanziamenti devono essere generalmente contenuti nel limite dei 2/5 dello stipendio netto.
Il prestito è erogato dall’istituto finanziatore in una soluzione iniziale con bonifico bancario o assegno intestato al richiedente.
Il pagamento delle rate è diretto ed automatico, la trattenuta dell’importo avviene, infatti, come per la cessione del quinto, sulla busta paga del dipendente. Per questo tipo di finanziamento non sono necessarie forme di garanzia esterna. Non vi sono, inoltre, ostacoli in caso di ritardi nel pagamento di altri finanziamenti o pignoramenti. L’unica garanzia richiesta è appunto la busta paga e un minimo di TFR . Sono necessariun documento d’identità in vigore e il codice fiscale.
La delegazione di pagamento è molto simile alla cessione del quinto, tuttavia a differenza di questa, essa non è un diritto sancito dalla legge per il dipendente, ma è concessa attraverso una scelta discrezionale del datore di lavoro. Esso, al contrario della cessione del quinto, non può essere erogato ai pensionati. Gli importi finanziabili vanno, a seconda dell’istituto finanziario da 2.500 a 80.000 euro. Le rate possono essere distribuite dai 24 ai 120 mesi. Gli importi e tempi di rimborso sono personalizzabili. La rata e il tasso sono fissi per tutta la durata, vi è anche una possibilità di estinzione anticipata con risparmio totale degli interessi.
La delegazione di pagamento consente, se affiancata alla cessione del quinto di ottenere importi maggiori impegnando una quota di stipendio fino ai 2/5 del netto percepito (cessione più delega).
E’ quindi possibile con tale finanziamento raddoppiare la cifra percepita con la cessione.
Generalmente è possibile ottenere un anticipo, dipende dall’istituto che lo concede, già in fase contrattuale, senza attendere il completamento intera operazione, che è inoltre molto celere.

Compila il modulo di richiesta, gratuito e senza impegno: un nostro operatore finanziario ti risponderà nel più breve tempo possibile.



(ad esempio MI, RM, TO, PA)



(è il codice fiscale del datore di lavoro e si trova in busta paga o in alto sul modello cud alla voce CODICE FISCALE, indispensabile per la valutazione della fattibilità del preventivo)

(indicare l'anno di nascita ad esempio 1960)
(ad esempio 1960)





Indicare mese ed anno nel seguente formato MM/AAAA, se non si è certi della data ipotizzarla trattasi di un campo indicativo che non incide sui calcoli del preventivo



Indicare mese ed anno nel seguente formato MM/AAAA, se non si è certi della data ipotizzarla trattasi di un campo indicativo che non incide sui calcoli del preventivo


Indicare mese ed anno nel seguente formato MM/AAAA, se non si è certi della data ipotizzarla trattasi di un campo indicativo che non incide sui calcoli del preventivo


Informativa sulla Privacy

Accetto
Accetto le condizioni di trattamento della privacy e regole di trasparenza di Adriaprest s.a.s.